top of page
_edited.jpg

GOTTHARD BONELL

IL VOLTO DEL CLERO

 

26 novembre 2022 - 16 aprile 2023

La mostra presenta la storia ecclesiastica contemporanea nello specchio di ritratti e biografie in movimento. Sono esposte le immagini di 29 ecclesiastici, compresi i loro studi preliminari, che sono stati ritratti dall'artista Gotthard Bonell durante la sua lunga carriera. Tra loro c'è l'intero spettro degli ecclesiastici, dal papa al cooperatore. Ma non mancano nemmeno intellettuali, giornalisti, artisti e scienziati. Si tratta di personalità già morte e di quelle ancora in vita, ma tutte hanno realizzato qualcosa di speciale nella loro vita. Quindi il cerchio è ampio, la scala è vasta e la selezione non conosce fronti.

HMG_5327_1.jpg

ALBERT MELLAUNER

RITMI CROMATICI

 

10 dicembre 2022 - 14 maggio 2023

La mostra di Albert Mellauner all'Hofburg di Bressanone mira a fornire una panoramica della sua opera quarantennale. 
E per un artista che, come Albert Mellauner, si dedica completamente al colore ed è in grado di mescolarlo in tutti i suoi stati d'animo, forze e sfumature, da un bagliore sobrio a un'oscurità intensa fino a un'allegra allegria, questa mostra è davvero come uno sguardo all'anima, che è una terra vasta e che risplende nei diversi colori così come la vita li dipinge.

Michael Mitterhofer

Presidente dell'Hofburg Bressanone

nur Meer,nur Meer_edited.jpg

ANTON CHRISTIAN

MAREA D'OMBRA

 

17 giugno 2023 - 5 novembre 2023

Anton Christian rifiuta una certa distanza o disinvoltura moderna e contemporanea. Per Anton Christian, l'artista assume una funzione di mediazione e traduzione tra il mondo e gli spettatori dei suoi dipinti. Forse può essere descritto come una sorta di medium. Per lui la vita, anzi l'intera vita con tutti i suoi possibili alti e bassi, è ancora il contenuto della sua arte. Racconta questa vita con tutti i mezzi a sua disposizione. È un cronista compassionevole del mondo piccolo (individuale) e di quello grande, che si compenetrano in modo inscindibile, soprattutto nel caso di guerre e disgrazie collettive.

Andreas Hapkemeyer

bottom of page