Südansicht der Hofburg

LA HOFBURG

Dalla metà del XIII secolo al 1973 la Hofburg (palazzo vescovile) fu la residenza dei principi vescovi e poi dei vescovi della diocesi di Bressanone. Fino alla secolarizzazione avvenuta nel 1803 i vescovi detenevano anche il potere temporale e infatti Bressanone era sede della corte dei principi vescovi (Fürstenhof) dotata di propria amministrazione. Da qui il nome (Hofburg) che venne dato alla residenza.
Con il trasferimento della sede vescovile a Bolzano nel 1973 la Hofburg ebbe una nuova destinazione: da quel momento ospita infatti il Museo Diocesano e l’Archivio Diocesano.

La Hofburg ha anche una serie di altre attrazioni da offrire, come la Chiesa di Corte riccamente arredata, la Cancelleria del Consiglio di Corte e gli appartamenti imperiale e vescovile.
Con il suo cortile rinascimentale, la Hofburg è uno dei monumenti architettonici più affascinanti e suggestivi dell'Alto Adige.

CORTILE INTERNO

Nel 1595, sotto il principe vescovo cardinale Andreas von Österreich, il complesso subì un'ampia ristrutturazione architettonica.

Albrecht Lucchese, architetto di corte ad Innsbruck, progettò un complesso a quattro ali che si estendeva su tre piani e che doveva essere organizzato intorno ad un cortile interno con archi su tutti e quattro i lati. Nelle nicchie del primo piano erano previste un totale di 44 sculture in terracotta per rappresentare l'albero genealogico degli Asburgo del cardinale Andrea d'Austria. Tuttavia, il concetto elaborato è rimasto incompiuto: Oggi, solo 24 di queste figure si trovano nelle nicchie dei pilastri dell'arcata e altre otto nel passaggio dell'ala sud.

 

Il ciclo incompleto degli Asburgo è tuttavia una delle sculture più importanti che il Tirolo ha da offrire del periodo tra il Rinascimento e il Barocco.


Nel 1711 la Hofburg fu completata nel suo aspetto attuale come edificio rinascimentale e barocco sotto il principe vescovo Kaspar Ignaz Graf Künigl. 


Da novembre 2016, una fontana in marmo bianco di Ratschings di Franz Kehrer adorna il cortile interno.

00:00 / 03:33
 
Innenhof-6080.JPG
 
Altar%20Hofkirche_edited.jpg

Chiesa di Corte

L’interno della chiesa si presenta a navata unica su due piani dall’aspetto barocco con volta ribassata e presbiterio leggermente arretrato.  La presenza della cantoria sulla parete destra della navata consente l’inserimento della chiesa nel percorso museale del primo piano. La sua dotazione è caratterizzata dagli affreschi alle pareti laterali e dagli opulenti stucchi e trova massima espressione nell’altare maggiore in marmo. Gli affreschi con scene della vita di Maria sono opera di Kaspar Waldmann, originario di Innsbruck, che li dipinse nel 1708.

00:00 / 01:49
 
Hofratskanzlei.jpg

CANCELLERIA AULICA

Al primo piano dell’ala est si trovano i due ambienti della cancelleria aulica: la sala del consiglio e l’anticamera. Da queste stanze i principi vescovi governarono e amministrarono il principato vescovile di Bressanone assieme all’organo collegiale dei loro consiglieri, il Consiglio aulico, fino alla secolarizzazione (1803).  Queste stanze sono state conservate nel loro stato originale.

00:00 / 02:10
 
Kaisertrakt II.jpg

APPARTAMENTO IMPERIALE

La massima espressione artistica negli arredi della Hofburg è visibile, oltre che nella chiesa, anche negli ambienti denominati “appartamento imperiale”.

Vennero realizzati all'inizio del XVIII secolo all’epoca del principe vescovo conte Kaspar Ignaz Künigl e impreziositi con volte affrescate, stucchi e stufe di pregio. 

00:00 / 01:05
 
15_Bischöfliches Arbeitszimmer i.jpg

APPARTAMENTO VESCOVILE

Solo poco dell'arredamento originale dell'appartamento vescovile è stato conservato. I salotti con i loro mobili storici e le stufe di maiolica forniscono comunque un'idea della cultura di vita dei vescovi.

00:00 / 00:24