top of page
Kastlunger.1800x900.jpg

IL PRESEPE IN BRONZO DI HARALD KASTLUNGER

 

25 novembre 2016 - 8 gennaio 2017

 

Bambini, pastori, re, galline, oche e pecore popolano questo presepe privato della famiglia Donà. Harald Kastlunger (*1937) di Bressanone è l’autore di queste fantasiose statuine in bronzo, che si raccolgono riverenti e adoranti intorno al miracolo di Natale. Questo presepe privato viene esposto per la seconda volta al pubblico.

König.Papier.1800x900-1.jpg

IN DULCI JUBILO!

PRESEPI DI CARTA DELLA COLLEZIONE ENGELHARDT

25 novembre 2016 - 8 gennaio 2017

Era noto come il “Kripperl-Doktor“, il dottore dei presepi: il dottor Werner Engelhardt (1908–1979) era laureato in medicina e chirurgia e teneva il suo ambulatorio a Monaco di Baviera. La sua passione maggiore erano i presepi di carta, che collezionò lungo decenni di pazienti ricerche, fino a possederne più di settecento, che oggi si trovano, quale dono alla Hofburg di Bressanone. La passione collezionistica del dottore sembrò non conoscere confine. Raccolse sia presepi e singole figure dipinti a mano, sia stampe di epoche diverse provenienti dall’Europa e dai paesi oltreoceano. “Qualità e kitsch si mescolano pacificamente insieme“ ebbe a dirne egli stesso una volta.

La mostra espone un nutrito e variopinto panorama della sua collezione: si va da pezzi unici, dipinti a mano a presepi pop-up e calendari dell’Avvento degli anni Sessanta e Settanta. Di certo, vi è un motivo che unisce insieme le tipologie di tutti questi presepi: essi portano gli eventi natalizi nelle case degli uomini.

Curatrice: Johanna Bampi
Restauro e montaggio: Alexander Fohs

Garten.1800x900.jpg

GIARDINO. 70 ANNI SÜDTIROLER KÜNSTLERBUND

3 settembre 2016 - 30 ottobre 2016

In occasione del suo 70° anniversario, il “Südtiroler Künstlerbund” allestisce una mostra in cui esporranno le proprie opere 164 artisti dal mondo delle arti figurative, dell’architettura, della letteratura e della composizione musicale, tutti membri dell’associazione. “L’artista come giardiniere” sarà, nella sua accezione più ampia, il Leitmotiv di questa estesa rassegna artistica.

Artisti:
Leonhard Angerer, Lois Anvidalfarei, Gino Alberti, Roland Baldi, Claudia Barcheri, Hanna Battisti, Thea Blaas, Walter Blaas, Julia Bornefeld, Amadeus Bortolotti, Robert Bosisio, Maria Burger, Peter Chiusole, Isolde Christandl, Jette Christiansen, Arnold Mario Dall’O, Erich Dapunt, Guido Daurù, Nicoló Degiorgis, Aron Demetz, Eduard Demetz, Jasmine Deporta, Margareth Dorigatti, Hannes Egger, Robert Engl, Paul Feichter, Monika Fiechter Rossi, Monika Fioreschy, Julia Frank, Christine Gallmetzer, Christian Gamper, Ruth Gamper, Beate Gantz, Markus Gasser, Werner Gasser, Marianna Gostner, Herbert Grassl, Elisa Grezzani, Luise Gruber Kainrath, Urban Grünfelder, Friedrich Gurschler, Sonya Hofer, Arnold Holzknecht, Elisabeth Hölzl, Irene Hopfgartner, Erika Inger, Marianne Ilmer Ebnicher, Franz Irsara, Josef Irsara, Rainer Kainrath, Alexander Kaiser, Wil-ma Kammerer, Martin Kargruber, Peter Kaser, Margareth Kaserer, Christian Kaufmann, Manuela Kerer, Hannes Kerschbaumer, Ingrid Klauser, Hans Knapp, Armin Kofler, Arthur Kostner, Hubert Kostner, Irene Kubicek, Giancarlo Lamonaca, Cäcilia Lobis-Mian, Cornelia Lochmann, Michael Lösch, Ivo Mahlknecht, Margareth Mair Daurù, Albert Mayr, Albert Mellauner, Reinhilde Menz, Wolfgang Meraner, David Messner, Franz Messner, Verena Messner, Sissa Micheli, Markus Moling, Arianna Moroder, Hansjörg Mutschlechner, Dietrich Oberdörfer, Daniel Oberegger, Gabriela Oberkofler, Elisabeth Oberrauch, Trull Oberrauch, Robert Pan, Herbert Paulmichl, Pardeller Putzer Scherer Architekten, Hubert Patscheider, Simon Perathoner, Lissy Pernthaler, Margaretha Pertoll, Marco Pietracupa, Christian Piffrader, Anne Marie Pircher, Konrad Plaickner, Helga Plankensteiner, Martin Pohl, Petra Polli, Kuno Prey, Romana Prinoth, Alrun Prünster Soares, Alexander Raich, Josef Rainer, Martin Rainer, Simon Rauter, Felix Resch, Sabine Rubatscher, Hermann Josef Runggaldier, Thaddäus Salcher, Saskia Saurer, Hubert Scheibe, Markus Scherer, Robert Scherer, Matthias Schönweger, Philipp Schraut, Luis Seiwald, Flavio Senoner, Berty Skuber, Sergio Sommavilla, Guido Sotriffer, Marius Spiller, Anke Stampfer, Luis Stefan Stecher, Lois Steger, Sonja Steger, Thomas Sterna, Hubert Stuppner, Sieglinde Tatz Borgogno, Barbara Tavella, Franz Thaler, Hartwig Thaler, Paul Thuile, Hermann Trebo, Othmar Treffer, Daniela Trocker & Jörg Zemmler, Stefan Tschurtschenthaler, Heinrich Unterhofer, Birgit Unterholzner, Adolf Vallazza, Andrea M. Varesco, Oskar Verant, Willy Verginer, Peter Verwunderlich, Claus Vittur, Helga von Hofe, Maria Walcher, Ernst Waldner, Bruno Walpoth, Elisabeth Weiss, Karin Welponer, Sara Welponer, Elfi Widmoser, Peter Wiedenhofer, Anna Wielander Platzgummer, Albert Willeit, Gustav Willeit, Ruediger D.M. Witcher, Wolfgang Wohlfahrt, Linda Wolfsgruber, Andreas Zingerle, Wolfgang Zingerle

ETH_018_Grau_Verlauf1800x900.jpg

EDUARD THÖNY

19 marzo 2016 - 31 luglio 2016

 

Per il 150° anniversario di Eduard Thöny si rende omaggio all’artista sudtirolese, diplomato all’Accade­mia di belle arti a Monaco, con un’esposizione dei suoi disegni e dipinti a Bressanone che è incentrata sulle sue spassose opere critico-politiche, ancor più autentiche della realtà, da lui realizzate per la rivista satirica monacense “Simplicissimus”.

Oltre alle opere di Eduard Thöny (1866–1950), la mostra presenta anche alcune sculture del padre Christian Thöni (1836–1902), che per la prima volta si possono vedere in Alto Adige. Christian Thöni proveniva da San Valentino alla Muta, era intagliatore in legno, lavorò per breve tempo a Parigi e al servizio dei vescovi a Bressanone. Seguendo il suggerimento dell’amico Franz Defregger, si trasferì a Monaco nel 1873 insieme alla sua famiglia. Eduard Thöny, diplomato all’Accademia di belle arti a Monaco, rimase in Baviera e visse sul lago Ammersee. Tuttavia, conservò sempre il legame con la patria del padre, la Val Venosta.

bottom of page