A tavola con il principe vescovo

Porcellane viennesi, argenteria tirata a specchio, vino pregiato e raffinate prelibatezze. Documenti e oggetti esposti nell’appartamento imperiale ci raccontano la cultura della tavola alla corte del principe vescovo di Bressanone. La mostra fa parte del progetto di collaborazione “Alla salute!”, promosso dall’Associazione musei Alto Adige. Attraverso mostre e raccolte, i musei che aderiscono al progetto raccontano la storia e la cultura del cibo e dei rimedi tradizionali nel Tirolo meridionale.

Orario d’apertura della mostra
14.3.–31.5.2020
ogni giorno ore 10–17
venerdì santo, 9.4.2020: ore 10–14
1.6.–30.9.2020
ogni giorno ore 10–18.30
1.10.–8.11.2020
ogni giorno ore 10–17

Peter Fellin. Meditazioni

La Hofburg di Bressanone e il Museion rendono omaggio all’artista Peter Fellin (Revò 1920 – Merano 1999) in occasione dei cento anni della sua nascita. La mostra si svolge come un dialogo tra i lavori di Fellin, provenienti dalla Collezione Museion e alcune opere della Collezione della Hofburg. Il confronto con le “cose ultime” della vita umana, come la morte, il giudizio e l’eternità, è il livello su cui le opere dell’artista e l’arte religiosa si incontrano. In questo senso, la scelta dei dipinti e delle installazioni in mostra si riferisce a importanti fasi nell’opera di Peter Fellin: gli Schreiber (Scriventi), gli Evangelisten (Evangelisti), le Schriften (Scritture) ed i Meditationsbilder (opere meditative). Questi lavori sono in dialogo con sculture medioevali, immagini devozionali, manoscritti e frammenti di un affresco di Paul Troger.

Peter Fellin
Die vier Evangelisten (I quattro evangelisti), 1955
olio su tela, 190 x 200 cm
Fondazione MUSEION. Museo d’arte moderna e contemporanea Bolzano
Foto: Augustin Ochsenreiter

Una mostra in collaborazione con la Fondazione MUSEION. Museo d’arte moderna e contemporanea Bolzano
curatore: Andreas Hapkemeyer

Bressanone nelle vedute del passato

Bressanone, la città sede del Principato vescovile solcata dai fiumi Isarco e Rienza, è al centro di questa mostra. Numerosi disegni e stampe mostrano le sue vedute, singoli edifici e svariati motivi tratti dai suoi dintorni. I fogli esposti si distendono lungo l’arco di secoli, dalla più antica veduta incisa a stampa di Bressanone, del 1588, sino all’inizio del XX secolo. Molto di ciò che mostrano rimane invariato per circa 300 anni, ma numerosi sono anche i cambiamenti che vi vengono registrati.

Bressanone
incisione su rame/acquaforte di Matthäus Merian i. V.
1649

Per anni Wolfgang Hellrigl (†) e Martina Stanek hanno collezionato vecchie vedute di Bressanone e dei suoi immediati dintorni, creando così una ricchissima raccolta. I risultati delle loro ricerche sono stati pubblicati in un volume del 2002, dal titolo Brixen in alten Ansichten. Una versione digitale di questa loro collezione è oggi consultabile presso la stazione digitale del Museo Diocesano. Una scelta a rotazione dei fogli a stampa e dei disegni della collezione Stanek/Hellrigl è inoltre sempre esposta in originale nel museo.

Orario d’apertura della mostra
14.3.–31.5.2020 e 1.10.–8.11.2020
ogni giorno ore 10–17
Venerdì Santo, 10.4.2020: ore 10–14
1.6.–30.9.2020
ogno giorno ore 10–18.30