Artisti tirolesi del XIX secolo – Collezione d’arte Siegfried Unterberger

Con l’esposizione della rinomata collezione d’arte del XIX secolo del collezionista meranese Siegfried Unterberger nel Palazzo Vescovile di Bressanone, il Museo Diocesano viene in certo qual modo a completare la consistenza del proprio patrimonio di opere di pittura profana, in particolare quella del XIX secolo. Nel XIX secolo il compito di raccogliere le testimonianze dell’arte contemporanea non fu assunto dai musei. Tanto più apprezzabile appare dunque l’impegno di un privato che, nel corso di decenni, ha realizzato la collezione e che, con grande sensibilità artistica, ha valorizzato opere di grande rilevanza culturale, che nessuno dei musei sudtirolesi può vantare.

La collezione Unterberger fu acquistata nel 2001 dalla Provincia Autonoma di Bolzano. Già nello stesso anno fu possibile presentarla quasi integralmente nella mostra Incanto borghese nell’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Merano.

Unterberger_Achensee1867
Achensee, Franz Richard Unterberger, olio su tela, 1867 circa

L’esposizione permanente nel Palazzo Vescovile di Bressanone riduce leggermente, per motivi di spazio, la consistenza della collezione. In nessun altra collezione il visitatore viene a sapere in una forma così concentrata le tendenze d’arte della seconda metà del XIX secolo, che si volevano separare dall’eredità del romanticismo, battevano nuove strade coll’impressionismo sentimentale e scoprivano così l’uomo, il paesaggio, il genere e la natura di nuovo.

Le tematiche essenziali si incentrano sulla pittura tirolese di genere, sui paesaggi del Tirolo e di altre regioni e sull’opera di Alexander Koester. I dipinti sono ordinati proprio secondo questi temi nelle quattro sale del secondo piano dell’ala sud del Palazzo Vescovile.

Koester_Schilf
Canneto al tramonto nei pressi di Bressanone, Alexander Koester, olio su tela