Tesoro del Duomo

Il Tesoro del Duomo di Bressanone è uno dei più importanti dell’area alpina e documenta prevalentemente l’evoluzione artistica e culturale dell’arte sacra del Medioevo e del Barocco. Alcuni pezzi del Tesoro, quali suppellettili ecclesiastiche e vesti nonché una serie di busti reliquiari, sono ancora in uso nei riti correnti e sono conservati nella sacrestia del duomo. Sotto la custodia del Museo si trovano i pezzi più antichi e preziosi non più utilizzati nelle liturgie, tra i quali si contano, oltre alla casula con il motivo dell’aquila risalente al X secolo e alle vesti del beato vescovo Artmanno del XII secolo, alcune mitre medievali, croci da mensa e croci processionali e soprattutto i tanti reliquiari di magnifica fattura. Meritano inoltre di essere menzionati il calice proveniente dalla tomba del vescovo Altwin datato all’XI secolo, una fistola del XII e guanti pontificali decorati con smalti bizantini.

Schmckkassette mit Silberreliefs, Werkstatt Wenzel Jamnitzer, um 1590
Cassetta portagioielli con rilievi in argento, bottega di Wenzel Jamnitzer, 1590 ca.

Il patrimonio del Tesoro del Duomo vero e proprio viene integrato in esposizione da alcuni oggetti di provenienza ecclesiastica e privata. Attirano l’attenzione in particolare un turibolo romanico dorato di proprietà privata e il graduale tardogotico di Tesido impreziosito da molte miniature.